Lo #psicologoperinatale si occupa di tutto ciò che accade quando qualcosa interferisce con la FISIOLOGIA, determinando situazioni di sofferenza che vanno dal semplice disagio o criticità fino alle condizioni di fisiopatologia e psicopatologia più importanti (la MATERNITY BLUES e la DEPRESSIONE POST PARTUM materna, ma anche paterna). Non dimentichiamoci che anche i papà possono soffrire di depressione post partum e hanno bisogno di essere ascoltati e aiutati.
#prevenzione

👩‍⚕️ lo psicologo perinatale può essere una figura di riferimento e sostegno importante in molti ambiti, come ad esempio:
🌟 facilitazione nella comunicazione fra famiglie e figure professionali di riferimento (come pediatra, ginecologo, personale del reparto di ostetricia o neonatologia) durante il parto e nel puerperio.
🌟 consulenza e mediazione in caso di contenziosi legali, ad esempio separazioni, che coinvolgano figli nei primi anni di vita;
🌟 percorsi di accompagnamento alla nascita;
🌟 sostegno ai genitori riguardo a problematiche legate al sonno, alla relazione alimentare, al pianto e in generale alle modalità di comunicazione con il bambino. È importante, infatti, saper riconoscere i bisogni fisiologici del bambino senza confonderli con i famosi “vizi” o “capricci”.
🌟 maltrattamenti, abusi, incuria;
🌟 infertilità e PMA; supporto e sostegno anche a quei genitori che ricevono una diagnosi prenatale di anomalia congenita che mette a rischio la vita del bambino.
🌟 inserimento al nido e ripresa lavorativa dei genitori.

 

Dott.ssa Ilaria Angeretti
Psicologa Clinica e Perinatale